Firenze: un' opera d'arte

Firenze: un' opera d'arte

«[…] Chiese di straordinaria bellezza, musei e collezioni d’arte, giardini storici, piazze, strade, palazzi antichi: Firenze può ragionevolmente essere definita “museo diffuso”, non un semplice contenitore di opere d’arte ma un’opera d’arte essa stessa […]»
Dal rapporto periodico UNESCO, che riconosce, nel 1982, Il centro storico di Firenze patrimonio dell’Umanità

Strade che affacciano su splendide piazze, vicoli che offrono scorci di incredibile bellezza, palazzi e chiese di tempi andati che continuano armoniosamente a far parte di una quotidianità contemporanea: intrigante e piena di meraviglia Firenze è una città capace di ammaliare e stupire sia chi la visita per la prima volta sia chi, incantato, non riesce a fare a meno di tornare. Un museo a cielo aperto, il centro storico di Firenze è stato inserito tra i patrimoni dell’umanità. Passeggiarlo nelle vie impervie e anguste della città medievale, fermarsi nei suoi musei e collezioni d’arte, perdersi nel racconto delle antiche usanze e immaginare la varietà e la ricchezza dei mercati ai tempi di Lorenzo il Magnifico è il modo migliore di scoprirlo e conoscerlo. Procuratevi una mappa e passeggiate pronti ad incrociare il vostro sguardo con le meraviglie che incontrerete nel vostro cammino.

David di MichelangeloConsigliamo di partire da Piazza del Duomo dove potrete ammirare la Cattedrale di Santa Maria del Fiore preceduta in termini di grandezza solo dalle cattedrali di Roma, Siviglia, Londra e Milano. Non perdetevi lo splendido panorama della città e della Chiesa stessa che si gode dalla Cupola, capolavoro di bellezza ma anche simbolo dell’ingegno e della  perizia tecnica dimostrate dal suo costruttore Brunelleschi.  Di fronte al Duomo troverete il Battistero dedicato a S. Giovanni Battista. Si tratta della struttura più antica tra i monumenti presenti nella piazza. Da notare le porte Sud e Nord, progettate con 65 anni di distanza rispettivamente da Andrea Pisano e Lorenzo Ghiberti. Dalla Piazza del Duomo potete spostarvi passeggiando in Piazza della Signoria, annoverata tra le piazze più belle del mondo per la ricchezza degli elementi storici e artistici. Da sempre il centro della vita politica, pubblica e artistica della città ospita il Palazzo Vecchio, oggi museo e sede del Comune, la Loggia dei Lanzi, una loggia coperta da un tetto e aperta da tre lati di archi, famosa per le statue che ospita, tra cui  “Perseo e Medusa” di Benvenuto Cellini,  il “Ratto delle Sabine” o  “Ercole e il Centauro” del Gianbologna, e la Galleria degli Uffizi, una della gallerie/musei d’arte più famosi al mondo.  Gli Uffizi ospitano le opere dei più grandi maestri dell’arte mondiale. Solo per citarne alcuni: Cimabue, Giotto, Botticelli, Filippo Lippi, Paolo Uccello, Leonardo Da Vinci, Michelangelo, Rubens, Rembrandt, Caravaggio, Tintoretto e molti altri ancora. Continuando a camminare arriverete in una manciata di minuti ad un altro simbolo di Firenze, il Ponte Vecchio. Costruito nel 1345, si trova nel punto più stretto del fiume, quello che una volta era un guado. Sopravvissuto ai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, è caratterizzato dalla numerosa presenza delle botteghe artigiane, un tempo quelle di fabbri, macellai e conciatori, oggi principalmente popolato delle botteghe degli Orafi Fiorentini. Il Ponte Vecchio collega Piazza della Signoria a Piazza Pitti, dominata dall’omonimo Palazzo. Palazzo Pitti è sede di numerosi musei, collegato direttamente agli Uffizi, per volere di Cosimo I de’ Medici, attraverso il Corridoio Vasari. Fu, in seguito, ingrandito e arricchito di un meraviglioso parco, il Giardino di Boboli. Godetevi, poi, l’unico dei quartieri storici di Firenze (San Giovanni, Santa Maria Novella e Santa Croce), Santo Spirito, situato “al di là” dell’Arno, troverete un’atmosfera vivace e bohemien.

Concludiamo dandovi un paio di segnalazioni, mete poco conosciute, meno battute dai turisti o, secondo noi,  particolarmente suggestive. Prendetevi del tempo, se ne avete, e allargate un po’ il vostro giro.

flyparkingfirenze_pontevecchioI ponti di Firenze.

Il Ponte Vecchio è solo uno dei tanti ponti che si susseguono lungo il corso dell’Arno che attraversa tutta la città e la divide in due. Oltre ad essere ottime vie di collegamento tra le due sponde, sono luoghi di fascino da cui ammirare Firenze  da prospettive molto singolari.

Giardino di Boboli

Giardino del Bobolino.

Si tratta di una versione più piccola del Giardino di Boboli. È un posto sereno, pieno di pace e silenzio, costituito da piccoli parchi con panchine e fontane capaci di trasmettere molta tranquillità.

Firenze sotterranea.

Andate alla ricerca delle origini, scoprite l’antica Florentia: sotto Piazza della Signoria gli scavi archeologici effettuati nelle fondamenta del palazzo hanno riportato alla luce antichi resti del periodo romano, periodo di grande floridità, precursore della magnificenza rinascimentale.